Profumo di caffè.

Profumo di caffè.

Chi non si mai svegliato con il profumo del caffè? Al mattino, una persona di famiglia che ti chiama per fare colazione, e poi via, la giornata ha inizio.

Il profumo del caffè ci avvolge e ci coinvolge. Secondo alcune ricerche di psicologia, questo profumo rimanda inconsciamente all’ambiente domestico, promuovendo benessere e tranquillità.

La ricerca scientifica si è spinta ancora più in là: il profumo del caffè potenzia le nostre facoltà intellettive. Questa scoperta è il risultato degli studi condotti dal Seven Institute of Technology su un campione di studenti, impegnati nel GMAT test. Il Graduate Management Admission Test, meglio conosciuto con l’acronimo di GMAT è un test per determinare l’attitudine personale agli studi aziendali a livello universitario e post-universitario. È uno dei criteri di ammissione nelle più importanti università del mondo, soprattutto per i corsi di MBA.

Gli scienziati del Seven Institute of Technology hanno fatto odorare il caffè a un gruppo di candidati alla prova: bene, quest’ultimi l’hanno superata in modo più brillante degli altri. È la prova che il profumo di caffè è un corroborante anche per il cervello.

Per concludere, andiamo a New York ed entriamo in una profumeria del Village. La proprietaria, una signora thailandese di nome Lalita, utilizza il chicco di caffè per preparare l’olfatto dei clienti a sentire gli altri profumi. Insomma, il caffè è come il pane per i somellier: un elemento neutralizzante.

E non sono poche le profumerie che propongono oli essenziali al caffè per profumare ambienti: energia positiva per vivere meglio.